La "To do list" delle 10 cose da fare prima dei 30 anni

I 30 anni si avvicinano, prepara subito una lista di cose da fare

I 30 anni si stanno avvicinando e non volete arrivare impreparate. Da tempo magari state pensando a quale festa organizzare, a chi invitare, al look da sfoggiare per un giorno così importante. I 30 anni si compiono una volta sola e rappresentano un traguardo importante, una sorta di spartiacque nella società di oggi in cui i tempi di vita sembrano essersi allungati rispetto al passato. 

Clicca Qui e leggi “I 30anni sono davvero i nuovi 20?”

Close up su torta di compleanno

Prima dei 30 anni ci sentiamo ancora piccole, anche se siamo pronte a spiccare il volo. Dopo l’adolescenza, affrontiamo la scelta dell’università e poniamo le basi di una carriera che speriamo di avviare il prima possibile. Tanti sogni da realizzare, tanti progetti da mettere in cantiere, tanti desideri da serbare gelosamente nel proprio cuore, in attesa del momento giusto per realizzarli. Questa è la fase della vita dove ci apriamo al mondo. Dove le possibilità sono a nostra portata. E dove iniziare a scrivere le migliori pagine della nostra vita da adulti.

A ognuno le sue scelte, i suoi desideri, le sue aspettative. Ci sono però delle cose che andrebbero fatte prima dei 30 anni. Oggi vogliamo proporvi una lista di 10 cose da fare prima dell’arrivo del vostro trentesimo compleanno. Esperienze da affrontare, decisioni da prendere, occasioni da non farsi scappare. Per poter arrivare ai fantastici Trenta senza rimpianti e senza rimorsi. Certe di aver fatto tutto quello che avete sempre desiderato, sperimentando e provando, cercando e trovando, senza mai perdere di vista quali sono i grandi obiettivi di vita.

Una ragazza da sola in aeroporto

Le 10 cose da fare prima dei trenta

1. Partire per un viaggio da sola

Ci avete mai pensato? Se avete sempre viaggiato in famiglia, con i vostri amici o in gruppo, non potrete mai dire di aver sperimentato la vostra capacità di adattamento. Viaggiare da soli ci mette alla prova, ci spinge a migliorarci, a prendere decisioni velocemente in caso di difficoltà e ci consente di vivere una diversa apertura al mondo. Perché siamo costrette a fare nuove conoscenze e apprendere tutto quello che c’è da sapere sulla cultura del luogo che stiamo visitando, senza interferenze. Prima dei 30 anni un viaggio in solitaria è quello che ci vuole per imparare a conoscersi tiotalmente, pregi e limiti inclusi.

2. Fertilità e Social Egg Freezing

Prima dei 30 anni sono poche le donne che pensano alla maternità. Non è tra le priorità, anche se, magari, non si esclude del tutto la possibilità di diventare mamme un giorno. Ci sono altre cose a cui pensare, come lo studio, il lavoro, trovare l’anima gemella, scoprire il mondo, imparare a conoscersi, iniziare a togliersi di dosso i panni di “figlie” prima di cominciare a pensare di vestire quelli di genitore. Eppure, è proprio questo il momento per pensare al futuro e al momento in cui decideremo che siamo pronte per diventare mamme. A 20 anni e fino intorno ai 30 la fertilità femminile è all’apice. Successivamente, saranno molti i cambiamenti che il nostro corpo affronterà, a partire anche dalla capacità riproduttiva che arriva a subire un drastico calo già a partire dai 35 anni. Prima dei 30 anni, allora, meglio prenotare una visita dal ginecologo per parlare anche di fertilità femminile e dei suoi cambiamenti nel corso del tempo. Cogliamo l’occasione anche per chiedere come proteggere la nostra capacità riproduttiva e confrontarci con il medico sulla possibilità di congelare gli ovociti: una tecnica che da qualche anno consente sin da giovanissime di preservare la propria fertilità tramite Egg Freezing.

L’Egg Freezing permette di affrontare con tranquillità i propri progetti di vita,  senza dover rinunciare a nulla. È una tecnica che consiste nel congelare gli ovociti, le cellule riproduttive femminili, e utilizzarle in futuro quando sarà il momento giusto per diventare madri e, a causa della diminuzione della riserva ovarica, potrebbero subentrare difficoltà riproduttive. 

Gedeon Richter Italia, multinazionale farmaceutica che si occupa di salute e benessere della donna, ha istituito la campagna educazionale Il Momento Giusto; un progetto che ha l’obiettivo di informare le giovani donne in tema di fertilità femminile e della sua preservazione tramite Egg Freezing.

L’età migliore per poter avere un figlio va dai 20 ai 30 anni, ma in questa fascia d’età è piuttosto normale non essere nelle condizioni economiche, personali e sociali per ‘’metter su famiglia’’. Il rischio, però, è quello di ritardare il momento di diventare madri, rischiando di andare in là con l’età, siccome la biologia segue le regole di sempre iniziando a ridursi naturalmente dai 35 anni. Oggi c’è una soluzione per coniugare il desiderio di realizzazione personale, prima che familiare, con la naturale diminuzione della capacità riproduttiva e si chiama Egg Freezing: la criopreservazione ovocitaria per ragioni non mediche dà l’opportunità a ciascuna donna di ‘’congelare la propria fertilità’’ ed utilizzarla al ‘’Momento Giusto’’, riducendo lo stress legato alla pressione dell’orologio biologico.

CLICCA QUI e visita il sito www.ilmomentogiusto.org per avere maggiori informazioni sulla preservazione della fertilità tramite Egg Freezing
Una ragazza soffia un tarassaco

3. Fare un po’ di volontariato

Mettersi a disposizione dell’altro, accantonando un attimo se stessi per tendere la mano a chi ha bisogno. Fare volontariato è sempre la scelta vincente. E non solo prima dei 30 anni, ma a ogni età. Perché sperimentare l’altruismo e la generosità non fa bene solo a chi riceve questo atto d’amore, ma anche a chi lo compie. La vita cambia completamente. Potete mettervi a disposizione di chi soffre, di chi vive in ospedale o in condizioni di povertà, di chi non ha una casa, esseri umani o animali che siano. E potete farlo in Italia o all’estero, scegliendo la vostra strada nel campo del volontariato.

4. Fare un’esperienza adrenalinica

Prima dei 30 anni perché non provare qualche emozione forte? Come, ad esempio, lanciarsi con il bungee jumping o con il paracadute, prendere lezioni di guida in pista, prenotare il volo dell’angelo in qualche meta e località cool del nostro paese oppure estera. E ancora, pilotare un elicottero o fare una “nuotata” tra gli squali. Per chi vuole mettere alla prova il proprio cuore, ecco tante idee per sperimentare la paura in ambienti controllati, imparando a gestirla e a trovare il coraggio per affrontare le piccole e grandi sfide che la vita ci porrà davanti.

Una ragazza posa sorridente di fronte a un elicottero

5. Andare a vivere da sole

È il primo passo della vostra indipendenza. Lo sappiamo, non è facile. Soprattutto se avete appena finito di studiare e vi state affacciando adesso nel mondo del lavoro. Ma con un po’ di sacrificio e di spirito di adattamento potrete festeggiare prima dei 30 la vostra prima casa. Magari da condividere con una cara amica. O con il partner, per iniziare la convivenza insieme.

6. Imparare una lingua straniera

Sì, lo sappiamo. L’avete già studiata a scuola. Sicuramente l’inglese e magari dalle scuole medie in poi anche qualche altra lingua. Ma non stiamo parlando di apprendere un linguaggio che non è il nostro a livello scolastico. Quanto piuttosto di farlo con una madrelingua. O magari direttamente sul posto, con un soggiorno studio in una località dove è impossibile incontrare italiani. Così sarete obbligati a parlare una lingua per “sopravvivere”.

7. Riallacciare i contatti con persone che si sono allontanate

Nella vita capita di perdersi di vista. Un litigio con un’amica con cui si è condiviso tutto per tanto tempo, prima che svanisse nel nulla. O prima di perdere i contatti. Oppure con un parente stretto. Quante persone, per piccole o grandi incomprensioni e situazioni non risolte, non rivolgono più la parola ai genitori o ai fratelli e ai parenti più stretti? Prima dei 30 anni, facciamo un passo avanti. E cerchiamo di ricucire i rapporti che meritano di essere recuperati.

Due giovani donne si abbracciano felici

8. Regalarsi qualcosa di inutile

Magari con il primo stipendio. O con i primi risparmi. Qualcosa che non abbiamo mai acquistato, perché costava tanto o ci sembrava una spesa inutile. Anche se abbiamo sempre sognato di avere quello che è diventato pian piano l’oggetto dei nostri desideri. Una volta ogni tanto togliersi qualche capriccio può far bene. Pensare a noi stesse non può che essere un atteggiamento positivo, non vi pare?

9. Fare qualcosa che pensiamo non possa piacerci

Quante volte abbiamo pensato di non fare qualcosa perché convinte che non possa piacerci? Come diciamo sempre ai bambini quando si trovano davanti qualcosa da mangiare che non hanno mai assaggiato, come possiamo sapere che non sarà di nostro gradimento se non l’abbiamo mai provata? Mettiamoci alla prova e sperimentiamo qualcosa che abbiamo sempre pensato non facesse per noi. Come dice il proverbio, mai dire mai. Potremmo scoprire nuove passioni.

10. Iniziare un percorso di psicoterapia

Purtroppo, siamo portati a credere che la psicoterapia sia esclusivamente un trattamento per chi soffre di problemi a livello psichico. Invece è un percorso che tutti dovremmo intraprendere nel corso della vita, per poter affrontare piccoli o grandi problemi che magari ci bloccano e ci impediscono di realizzarci totalmente. Così da superarli e aprirci al resto della nostra vita. Arrivando a compiere i 30 anni libere da ogni evento del passato che potrebbe trattenerci dal vivere la nostra esistenza nella sua pienezza.

❓ E tu cosa hai fatto o vorresti fare prima di raggiungere i 30 anni?
📲 Commenta il post qui oppure sulla nostra pagina Facebook o sul profilo Instagram