Vai al contenuto principale

Io viaggio da sola, per scelta! Oggi, sempre più donne decidono di mettersi in gioco e ritrovare la loro autonomia attraverso l’esperienza di un viaggio in solitaria.

Secondo gli ultimi dati Istat sono 1,4 milioni le italiane che prendono questa decisione, stimolate da un profondo bisogno di indipendenza. E la ragione, spesso, non è la mancanza di un partner oppure l’esigenza di allontanarsi da una storia o una situazione critica, ma proprio per il piacere di mettersi alla prova, per la libertà di vedere quello che più piace senza compromessi, o per ampliare, semplicemente, lo sguardo sul mondo.

Per chi decide di buttarsi in questo tipo di esperienza, la prima volta è utile seguire alcuni consigli per vivere questa avventura in sicurezza:

controllare gli aggiornamenti della Farnesina sul sito Viaggiaresicuri.it relativi alla meta scelta

registrarsi all’ambasciata italiana o sul sito dovesiamonelmondo.it per segnalare la propria presenza nei paesi esteri e facilitare l’attività di assistenza in eventuali situazioni di emergenza

fare sempre copia dei documenti e dei biglietti aerei e lasciarli al sicuro in albergo

viaggiare il più leggere possibili, senza gioielli o cose di valore che possano attirare l’attenzione di qualche malintenzionato che, purtroppo, è una figura presente in ogni dove…

vestire in maniera adeguata a seconda del paese e dei luoghi di culto da visitare

affidarsi al proprio istinto e, soprattutto, al buon senso ed evitando situazioni che possano abbassare lo stato di attenzione. Quando si viaggia da sole ci si deve divertire e scoprire cose nuove, ma mai abbassare la guardia.

Le mete più sicure? Secondo il Global Peace Index – il report annuale sui Paesi più pacifici del mondo – l’Islanda si conferma ancora al primo posto.  Segue la Nuova Zelanda, l’Austria, Portogallo, il Giappone, il Canada, Dubai, Thailandia e Costa Rica. Da evitare Egitto, Tunisia e Turchia considerate le più a rischio.

Lascia un commento